Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Corso Innovazione organizzativa e contrattazione di secondo livello: le nuove opportunità per una negoziazione partecipativa e "generativa"

la Segreteria generale, d’intesa con la Fondazione Ezio Tarantelli – Centro Studi Ricerca e Formazione e il Dipartimento Mercato del Lavoro, Contrattazione, Bilateralità, propone il corso di formazione "Innovazione organizzativa e contrattazione di secondo livello: le nuove opportunità per una negoziazione partecipativa e "generativa", così come previsto nell'integrazione al Piano di Ricerca e Formazione 2016-2017.

Il percorso formativo si rivolge a delegati (Rsu/Rsa), operatori sindacali, dirigenti territoriali,  con esperienza di contrattazione di secondo livello nei settori privati e accesso alla rete First Class.

Alla luce dei nuovi processi produttivi, ma anche della radicata cultura sindacale della Cisl,  una presenza diffusa, competente, innovativa e generativa sulla contrattazione decentrata è una delle sfide cruciali per il futuro del sindacato e della rappresentanza.
Tale presenza può radicarsi solo attraverso un approccio non meramente acquisitivo o difensivo, ma in grado di anticipare i processi in atto, intervenire sui nuovi bisogni delle lavoratrici e dei lavoratori, contribuire a realizzare modalità organizzative partecipative che generino e non solo distribuiscano valore, dentro e fuori l'impresa.
Gli obiettivi generali del corso sono, pertanto, di conoscere le principali innovazioni derivanti dalle recenti modifiche normative e contrattuali che impattano sulla contrattazione di secondo livello; saper leggere e interpretare le strategie organizzative di impresa e i loro possibili effetti sulle condizioni di lavoro; alfabetizzare all'utilizzo dei nuovi strumenti messi a disposizione dalla CISL sulla contrattazione di secondo livello (Ocsel, Aida); conoscere e analizzare buone pratiche;  elaborare proposte rispetto ai nuovi contenuti e processi della contrattazione decentrata.
Prospettive e contenuti della contrattazione di secondo livello verranno analizzati anche alla luce delle opportunità aperte dai recenti accordi quadro sulla contrattazione stipulati a livello confederale sul nuovo modello di relazioni industriali.

Obiettivi didattici
·    conoscere le nuove opportunità per la contrattazione di 2° livello;
·    essere in grado di valutare e interpretare i nuovi modelli organizzativi;
·    saper analizzare i processi aziendali;
·    conoscere i contenuti fondamentali del nuovo diritto del lavoro e del mercato del lavoro;
·    saper valutare e progettare/proporre i nuovi contenuti della contrattazione decentrata (salario, orario, professionalità, formazione e welfare aziendale);
·    saper utilizzare gli strumenti CISL: AIDA e OCSEL.

Contenuti dell’attività didattica
·    Accordo sulla rappresentanza e patto unitario sul modello contrattuale
·    Jobs Act: spunti per la contrattazione
·    Evoluzione modelli organizzativi aziendali e di rete/filiera
·    Analisi dei processi aziendali
·    Il WCM e Industry.4.0
·    Sharing economy , digitalizzazione e impatto sulle condizioni di lavoro
·    Gli strumenti CISL a supporto della contrattazione: OCSEL  e AIDA.
·     I premi di risultato. Nuove strade: team, miglioramento, ambiente, partecipazione, ecc.
·     La contrattazione dell'orario di lavoro  e gli orari a menù
·     Conciliazione vita/lavoro, part time, Smart Working
·     la valutazione professionale, il riconoscimento delle competenze  e la contrattazione
·     Il welfare contrattuale: le nuove opportunità
·     La formazione continua e la contrattazione dei piani formativi

Il percorso formativo si svolgerà presso il Centro Studi CISL di Firenze e sarà articolato in  due moduli residenziali della durata di 3,5 giorni ciascuno. Tra i due moduli è prevista una fase di formazione a distanza che ha l'obiettivo di verificare l'apprendimento e di incoraggiare il trasferimento dei contenuti appresi alle concrete pratiche di lavoro sindacale sul campo attraverso la metodologia dello "studio di caso".

StampaEmail